Unusual Fun

Il progetto

La figura del turista contemporaneo è (notoriamente) legate all’utilizzo del “digitale” per l’acquisto del servizio, dove però l’intera esperienza turistica viene progettata intorno a ciò che l’offerta tecnologica (portali e siti Web) gli propone: hotel e viaggio. Una volta sul posto, egli scoprirà la eterogeneità delle offerte locali, delle quali non si potrà servire per aver già impegnato il budget di denaro e – soprattutto – di tempo nell’acquisto del servizio di base.

Ancora più grave sarà stato il suo non essere entrato fattivamente nell’ambiente che avrà visitato, tradendo così la parte rilevante della sua scelta di viaggio.

Il progetto “Unusual Fun” studia un modello di “destination management” dove la tecnologia assecondi la prospettiva del consumatore nell’intero ciclo di vita dell’esperienza turistica (dalla ricerca di informazioni, fino all’acquisto ed alla condivisione post-viaggio) e dove il panorama dell’offerta sia quella intera del luogo di destinazione.

Parte centrale del modello insiste sui diversi piani della dinamica “sociale” del processo seguito dal consumatore, dove oltre a quella della condivisione sia attuata una dimensione di co-generazione dell’esperienza turistica, in quanto soluzione di maggior prossimità con la sua soddisfazione emotiva.

KEY WORDS

  • Psicologia dei consumi
  • Psicologia del turismo
  • Distretto e meta-distretto come elementi significanti
  • Rete sociale tematica
  • Co-generazione dell’esperienza turistica
  • Club di prodotto-cross selling

Aree

SCIENZE DEL TURISMO

SCIENZE PSICOLOGICHE

SCIENZE SOCIOLOGICHE

MARKETING E COMUNICAZIONE

VAI ALL'ANTEPRIMA-ESTRATTO DEL QUESTIONARIO

Vai alla scheda del progetto

team

  • Profile picture of Domeinico Nigro
  • Profile picture of Erika Faggin
  • Profile picture of Federica Bosco
  • Profile picture of Georgia Zeno
  • Profile picture of Paola Forace
  • Profile picture of Ugo Bovo